Storia

Chi siamo e cosa facciamo

Di generazione in generazione…

C’era una volta una casetta costruita di pietre murate a secco opera di un nonno e una nonna semplici, umili ed adorabili, in una terra sperduta, senza alcuna abitazione intorno. Ogni giorno il nonno e la nonna percorrevano svariati chilometri a piedi per raggiungere dalla città, dove vivevano, il Monte Paradiso dove si trovava la casetta e vivere lì momenti di pace, immersi nella natura. Allietavano le giornate anche due meravigliosi bambini: una femminuccia riccia riccia ed un bel maschietto pieno di energie. La famiglia ben presto si ingrandì con i dolci animaletti che madre natura ha creato ed ai quali tutti erano pronti a dare amore: due gallinelle, due ochette e tre pecorelle cominciarono a scorrazzare ed a giocare fra di loro e con i bambini, tutti intorno alla piccola casa di pietre. I due bambini dolcissimi cominciarono ad amare la campagna ogni giorno di più e con il passare degli anni divennero contadini ed allevatori DOC.

Il nonno e la nonna si invecchiarono e giunse il giorno che volarono in cielo, lasciando però ai loro figli l’immenso amore per la natura, che si concretizzò in orti e piantagioni che coltivarono con tanta passione. Gli animali continuarono a contornare le loro giornate: caprette, galline, conigli, maialini, tacchini, oche, papere … un variopinto e rumoroso insieme di gioie viventi. Niente e nessuno fermò mai i due fratelli dal dedicarsi agli animali ed alle piante, non esisteva la pioggia né il gelo e nel corso degli anni i due fratelli fecero diventare quel luogo ameno un paradiso terrestre. A loro volta divennero adulti, si sposarono ed ebbero dei figli e la loro passione per la campagna si tramandò alle due figlie femmine: una in particolare piccola di statura, con due occhioni grandi grandi ed un amore assurdo per tutti gli animali del mondo.

Una vita immersa nel verde..

 

La bambina ascoltò sempre i mille racconti della sua mamma su piante ed animali e divenne grande, fra cariole, rastrelli e zappe.

Il recinto delle galline era sempre pieno di galline festanti che regalavano uova freschissime, tutto era perfetto … bellissimo, fino a quando una disgrazia colpì la sua famiglia: un brutto incidente le portò via all’improvviso l’adorato papà, che nella ventiquattrore da imprenditore portava sempre un bellissimo progetto per il futuro della sua famiglia, quello di trasformare la casetta di pietre in una grande casa che potesse ospitare tutti i suoi cari. Il sogno del papà però non si spense con lui neanche per un momento, la bambina dai grandi occhi, diventata donna forse troppo presto, prese in mano quel progetto e lo portò a termine realizzando il sogno che era nel cuore di tutta la sua famiglia: poter vivere tutti insieme con immensa serenità. Trascorsero gli anni fra costruzioni e lavorazioni del terreno pieno di ricordi e giunse anche per lei il principe azzurro con un nasone grande grande, un principe pieno di umiltà e generosità, che non desiderava altro che vivere in un mondo fatato, tra foglie e frutti. Un super “Mastro Geppetto” che gironzolava sempre con trapani e martelli in mano, costruì piano piano tutte le gabbie per gli animaletti che sempre più numerosi popolavano la casa, alloggi da favola, casette di legno con i tetti colorati.

La bambina dagli occhini grandi non si fermò qui, aveva voglia di creare una immensa arca di Noè, tanto che in un tempo molto breve la campagna divenne quasi uno zoo, pieno di specie diverse, animaletti coccolati giornalmente che incuriosirono tanti bambini.

Uniti dalla stessa passione…

 

Un bel giorno una coniglietta mise alla luce cinque cuccioli stupendi ed il destino volle che due ragazze, con un cuore pieno d’amore per gli animali, si innamorarono di due piccoli, li scelsero e li adottarono. La conoscenza divenne amicizia in un batter d’occhio, un fluido magico le unì nella stessa passione: vivere con gli animali e nella natura e condividere questa bella esperienza con i bambini. Con impegno ed entusiasmo quella campagna con la casetta di pietre divenne il grande Giardino degli animali,aperto a tutte le scuole dove si avviarono numerose splendide esperienze come: l’happy orto – un percorso sensoriale per distinguere le piante, riconoscere il loro ciclo vitale e la stagionalità delle colture – oppure l’archeologia sperimentale come piccoli Indiana Jones per scoprire tesori sepolti, ricreare antichi sapori e giocare come bambini di 1000 anni fa.

 

“Ora sta a voi, bambini, venire a trovarci, sprigionare la fantasia, toccare la terra con i suoi frutti e fiori, coccolare i piccoli ospiti pelosi e pennuti e portare via nel cuore l’emozione che solo la natura con i suoi animali può donare!”